Archivio per la categoria ‘Ambiente’

Abbattere i PONTI STORICI del centro di Carrara. Questo il piano malato dell’amministrazione.

Sappiamo che nella situazione attuale i ponti sono pericolosi, abbiamo visto con i nostri occhi dove arriva la piena del Carrione, ma sappiamo anche che non sono i ponti la causa delle piene. Sappiamo che il dissesto idrogeologico arriva dalle montagne, dai versanti distrutti dei bacini estrattivi, dagli sversamenti abusivi, dai ravaneti. Sappiamo che abbattere i ponti è un pagliativo per non andare a disturbare il signori del marmo… anzi ormai nemmeno più degni di essere chiamati così, retrocessi a SIGNORI DEL CARBONATO DI CALCIO!

Se ho le mani fredde perché ho un problema di circolazione, non è che mi tagliano le mani per risolvere il problema, lo capisce anche un bambino. E’ la conseguenza di una scelta politica ben precisa: quella di incaricare i tecnici di occuparsi solo del ramo dal centro storico alla foce per non andare a interferire con i bacini estrattivi. Allora l’unica soluzione resta tagliare la mano.

Ma questa è l’amministrazione della demolizione: Abbattere i ponti significa demolire centinaia di anni di MEMORIA come si abbattono le APUANE, come si abbatte la SANITA’, la SCUOLA, i TEATRI

Tutt* noi vogliamo la sicurezza della città, tutt* noi vogliamo, anzi pretendiamo, che il nostro territorio sia sano, sicuro e bello. Altrettanto sappiamo bene dove sta il problema.

 IMG-20151111-WA0011

IL PROBLEMA E’ A MONTE, NON IL PONTE!

Abbiamo assistito Lunedì sera alla prima delle assemblee consigliari straordinarie riguardo il Piano per Il rischio idrogeologico della Regione Toscana. Un evento in cui è stato presentato “studio idraulico del Torrente carrione e possibili interventi per la mitigazione dei rischi” redatto dai professionisti della GPA Ingegneria, incaricati con un ordinanza del Commissario delegato datata 25/8/2015, per un importo (legato ad opere di urgenza) di 90.000,00 euro – guarda caso, affidato in negoziato privato, quindi senza gara di appalto, perchè sotto soglia per 10.000,00 euro -.

Non volendo entrare in quelle che sono le criticità tecniche della proposta, non per mancanza di competenze o perchè la proposta sia priva di criticità, ci fermiamo a riflettere sull’opportunità di affidare un incarico per interventi riguardanti la mitigazione del rischio, limitatamente al ramo di torrente che poercorre il tratto dal centro storico alla marina. Non ci rispondano i sognori della regione pensando che siamo stupidi. sappiamo che il rischio sorge la dove sorgono centri abitati e che quindi è quella la zona in cui è necessario mitigare il rischio, ma sappiamo, come sapranno sicuramente e confermeranno anche i tecnici della GPA Ingengeria, che il torrente Carrione è diventato pericoloso con il passare degli anni per due motivi:
 i cambiamenti climatici che offrono sempre più ricorrenti occasioni al raggiungimento della piena “trentennale”
 il dissesto idrogeologico dovuto in primo luogo all’inarrestabile e insostenibile moltiplicazione dei bacini estrattivi, alla conseguente perdita di superfici forestate, alla presenza di versanti instabili, ravaneti, discariche abusive e sversamenti di materiale nel letto del torrente.

Allora siamo convinti che una scelta politica giusta sarebbe quella di occuparsi di bonificare la causa principale che ha trasformato il torrente in un arma di distruzione di massa. Ci domandiamo come sia possibile che si continui a procedere per pagliativi, alzando argini sempre più alti, che poi crollano; demolendo e ricostruendo ponti sempre più incurvati; sventolando fantomatici progetti di ristrutturazione e ampliamento del porto, come se non bastasse avere sepolti sotto il piazzale città di Massa centinaia di rifiuti tossici.

Carrara non starà a guardare mentre insieme ai ponti cancellate la memoria, la storia, isolate due dei più bei quartieri della città e proseguite in quell’orrendo quanto fallimentare piano di trasformare questo luogo meraviglioso in un deserto di morte sociale e politica.

Erano i nazi-fascisti, durante la guerra mondiale, ad abbattere i ponti. I ponti uniscono, consentono l’attraversamento di barriere territoriali e sociali, sono simboli di società unite e solidali, come i palazzi della cultura, i teatri, le biblioteche, i cinema, le scuole, gli ospedali…

Avete demolito tutto. I ponti non si toccano!

Una 4 giorni che ha visto alternare momenti di discussione e messa in discussione dei sistemi di governance dei territori e della gestione di quei beni (così definiti) comuni, a momenti di festa come domenica 8 con il gruppo Rap Assalti Frontali schierato dalla parte dei cittadini e delle cittadine che un anno fa assediarono il Comune di Carrara con la prospettiva della sperimentazione di un modello di autogestione del territorio dal basso. 

Autorganizzazione, riappropiazione e conflitto sono stati i temi toccati in questi lunghi e faticosissimi quanto soddisfacenti e promettentigiorni, insieme a tanti ospiti e con una partecipazione che ha fatto sentire la presenza di una comunità solidale.

Molti gli ospiti che hanno partecipato e contri6-11-15buito alle discussioni. #TerraNostra da Casoria (NA), insieme al Terzo valico #NoTav e allo scrittore Giulio Milani, hanno raccontato come, dal nord a sud Italia, il problema della devastazione ambientale spesso trova nei soliti nomi gli autori dei vari scempi perpretati da Stato e Mafie (che spesso sono la solita cosa). “La Mafia è lo pseudonimo del Capitalismo armato”, sosteneva un compagno venerdì sera, “gli stessi che hanno inquinato saranno quelli che vinceranno gli appalti per le bonifiche e ci avranno guadagnato due volte”. Si è parlato della dignità delle comunità in lotta presso i cantieri del Terzo Valico: “un metro di Tav non vale la vita nè la dignità di nessuno”. Tra i presenti molti carraresi ma anche volti “fuori provincia” che ci fanno sperare nella possibilità e nell’efficacia di fare rete fra territori limitrofi e non.
IMG_0849Presenti #RiMaflow da Trezzano sul Naviglio, ospite nell’ultima giornata, e Casa Rossa Occupata di Massa che, dalla nascita del collettivo Harlock, è sempre stato uno degi maggiori interlocutori sulle lotte del territorio e proprio in quest’ultimo periodo si trova a contrastare l’ennesima cementificazione selvaggia in nome di un profitto che va a discapito di molti; i gruppi Ultras organizzati che nelle loro forze ci sono stati sempre vicini e gli amici e amiche del Circolo dei Baccanali, sempre pronti a dare spazio e solidarietà alle iniziative dal basso. Gli stessi #AssaltiFrontali che hanno intervallato il loro RAP Militante a interventi a sostegno delle nostre lotte al grido di una “Carrara meticcia!” che speriamo di rivedere presto riempire le piazze.
Nota dolente, le continue difficoltà della burocrazia che ci portano a chiederci come sia possibile che far sparire centinaia di milioni di euro dalle casse degli enti pubblici sia più semplice che ottenere un’autorizzazione per un’iniziativa popolare nella piazza del municipio.

Nonostante il boicotaggio da parte di “qualcuno” non si è fermato il sole!!!

Usciamo da questa 4 giorni stanchi ma felici, consapevoli del fatto che siamo riusciti a parlare ad una fetta della città che ha deciso di non restare più sorda, che ha deciso da che parte stare. Felici di aver portato nella Sala della #Resistenza le lotte di Alessandria e Napoli, felici della solidarietà fra comunità diverse che si è incontrata a Carrara.
Continueremo a lottare, continueremo a restare e non scappare dalla nostra città, perchè questo è il NOSTRO postoun posto occupato da troppo tempo da chi non lo ama ma lo sfrutta e lo sfrutta ed è per questo che continueremo ad organizzare le rivolte!!!!
” Dovunque vorremo andare andremo, una nave è questo in realtà. Non è solo una chiglia, con uno scafo e un pontile, sì, la nave è fatta così, ma ciò che una nave è…ciò che la Perla Nera è in realtà…è libertà “.

Collettivo Harlock invita a partecipare

alla quattro giorni di iniziative che si terrà a Carrara dal 5 all’ 8 Novembre prossimi in occasione delle giornate di anniversario dell’evento alluvionale del 2014.

Con l’occasione invitiamo, tutt* i soggetti interessati, ad aderire alla piattaforma che segue riguardo la difesa dei territori allo scopo di stimolare nel nostro Comune la discussione fra gruppi, associazioni e soggetti che si occupino di beni comuni e territorio.

(il programma sarà passibile di piccole modifiche in caso di necessità)

___________________________________________________________________________

A difesa del territorio: fra resistenza e autorganizzazione

Partendo dal concetto di territorio come insieme di aspetti complessi, fisici e non, e in particolare, quel sistema di relazioni socio-economiche che sono biunivocamente prodotto e generatore del territorio stesso, cogliamo un’opportunità di legittimazione rispetto a pratiche di appropriazione e autorganizzazione agite dai movimenti di lotta, dal momento in cui l’abitante e le dinamiche di relazione che questo agisce nel luogo che abita, possono essere individuate come parte integrante del sistema territoriale stesso. Vale a dire che il territorio si definisce come esito della strutturazione dello spazio da parte della società che lo abita (e non del potere che lo governa), riconoscendo a questo la dignità di diaframma fra luogo fisico e spazio culturale, simbolico, economico, inscindibile dai supporti materiali così come dalle diverse forme di appropriazione succedute nel tempo.

Se lo strumento del potere è quello che si definisce nella competenza di governo del territorio, è vero anche che gli strumenti dell’abitante sono quelli della resistenza e dell’autorganizzazione che sono parte integrante del concetto stesso di territorio poiché caratteristica intrinseca la prima, in quanto resistenza alla trasformazione, e motore di dinamiche tra abitanti e territorio, la seconda. Gli atti di trasformazione violenta del territorio da parte del governo sono sempre più espressione del paradigma della grande opera: l’alta velocità, expo, città olimpiche, il mercato crocieristico, per citare i più famosi esempi, ma anche le opere di stoccaggio di rifiuti tossico-nocivi, lo sfruttamento delle risorse, la sovra-infrastrutturazione in generale (comprendendo in questa cementificazione e speculazione). Queste trasformazioni sono caratterizzate dall’assenza di relazione a piccola scala, generate da quelle dinamiche globali che poco o nulla hanno a che vedere con chi abita i territori. Infatti avvengono in modo violento e repentino e generano quelle che noi riteniamo legittime pratiche di autorganizzazione, manifestazioni della resistenza a tali trasformazioni da parte degli abitanti. Senza resistenza alle trasformazioni il territorio e la società stessa sarebbero elementi molli, inconsistenti.

Parliamo quindi di difesa dei territori riconoscendo il ruolo fondamentale delle pratiche di conflitto e di resistenza alle trasformazioni in generale e riconosciamo ancor più legittimità e diritto a quelle realtà di autorganizzazione che si verificano la dove la resistenza si oppone a trasformazioni violente.

Gli aspetti che riteniamo fondamentali sono due. – In primo luogo la ferma condanna di tutte quelle operazioni riconducibili al paradigma della grande opera e quindi caratterizzate da sfruttamento delle risorse a discapito del bene collettivo e per il profitto di pochi; legami tra classe politica, classe imprenditoriale e organizzazioni mafiose; cementificazione; produzione di debito; destrutturazione dei diritti del lavoro, precarizzazione e ricatto occupazionale; conseguenze sulla salute della persona.

– In secondo luogo riconoscere nelle pratiche di autorganizzazione il motore delle trasformazioni coerenti del territorio, capaci di generare ancora relazioni e ricadute positive, sia per quanto riguarda i rapporti sociali, sia per quanto riguarda la produzione di reddito. Inoltre riconosciamo nelle realtà autorganizzate la capacità di produrre relazioni persistenti tra luoghi fisici e luoghi culturali che divengono identitarie e significanti, quindi strumento di appropriazione e di espansione di spazi di agibilità prossimi ad essere rivendicati come diritti.

In questo processo si distingue la possibilità e la necessità di ribaltare la dinamica induttiva che oggi è alla base del governo del territorio in una dinamica deduttiva che prenda in considerazione le esperienze e le pratiche di autorganizzazione radicate – anche e soprattutto la dove si manifestino a corollario di lotte per la difesa dei territori da processi di sfruttamento, distruzione e speculazione – come esperienze reali e spontanee, espressioni della volontà di chi abita i territori e di reale e diretto esercizio della sovranità popolare.

Di conseguenza condanniamo invece ogni utilizzo di strumenti repressivi di quelle realtà di conflitto in quanto strumenti di soffocamento dell’esercizio dei propri diritti e della libertà di espressione.

Apriamo il dibattito su questi temi in occasione delle 4 giornate dal 5 all’8 novembre 2015 in cui Carrara ospiterà iniziative diffuse sul territorio, in memoria dell’ultimo evento alluvionale e della conseguente presa del Comune da parte delle abitanti e degli abitanti.

Vogliamo andare oltre l’aspetto commemorativo, dedicando la 4 giorni al tema della difesa dei territori e dell’autorganizzazione, unendo esperienze di lotta e analizzando quegli aspetti di cattiva gestione e di distruzione del territorio che accomunano le diverse realtà e ci auguriamo di poter promuovere, assieme a tutti i soggetti che interverranno e parteciperanno (o vorranno in futuro partecipare), un progetto di rete nazionale per la difesa dei territori come strumento attraverso il quale agire in modo solidale, diffondere informazioni e costruire progettualità condivise.

Invitiamo tutti e tutte, gruppi, associazioni e indipendenti impegnati in progetti di autorganizzazione, lotta e resistenza contro Grandi Opere e sfruttamento e in difesa dei beni comuni, come ambiente, casa, lavoro e salute, a partecipare alle iniziative che si chiuderanno l’otto Novembre con una Assemblea allargata in cui tutt* avranno la possibilità di intervenire condividendo le proprie esperienze e i propri punti di vista. ___________________________________________________________________________________________

A seguire il programma delle iniziative della 4 giorni.

A difesa del territorio: fra resistenza e autorganizzazione

  • Giovedì 5 Novembre, ore 18:00. Piazza Menconi, Marina di Carrara. PER NON DIMENTICARE: serata in memoria dell’alluvione con banchetto informativo, vin brulèe, spettacolo teatrale e Lancio delle lanterne.
  • Venerdì 6 Novembre, ore 18:00. Sala della Resistenza, Comune di Carrara. LA DIFESA DEL TERRITORIO: RESISTENZA E AUTORGANIZZAZIONE (a cura di Collettivo Harlock) Interverranno: Giulio Milani, presentazione del libro “La Terra Bianca” Movimento NoTav terzo valico Terra Nostra Occupata, Casoria (NA) Collettivo Harlock
  • Sabato 7 Novembre, ore 13.00. Visita alle cave di Carrara e merenda
  • Domenica 8 Novembre, dalle ore 16:00. Piazza 2 Giugno, Comune di Carrara. Assemblea conclusiva e ASSALTI FRONTALI LIVE. questa giornata vuole essere un’occasione di festa e di incontro per la città tutta.

A distanza di quasi un anno dall’8 Novembre scorso quando assediammo il comune in migliaia chiedendo al primo cittadino e alla giunta di abbandonare i loro posti di potere, il quadro è chiaro. Carrara non è un laboratorio politico come vorremmo intenderlo noi che agiamo la politica come espressione della volontà delle masse e come somma delle pratiche in grado di equilibrare i rapporti di forza tra le parti sociali. No. Carrara è una sorta di simulatore in cui il potere ha potuto per decenni muoversi fra interessi economici di cave, porto, speculazione edilizia e pubblici servizi, sostituendo al dialogo democratico il potere dei rapporti clientelari e fagocitando ogni genere di espressione di dissenso con una stretta di mano o un occhio strizzato.

Ed è il consiglio comunale di ieri pomeriggio ad aver chiarito in modo inequivocabile posizioni e metodi della classe politica carrarese, opposizione compresa.

All’unanimità ieri (eccezione fatta per l’astensione di Bienaimè e Menconi) il consiglio comunale ha approvato la mozione di FI riguardo l’adesione al Programma di Controllo del Vicinato. Senza soffermarci al fin troppo facile e forse superficiale accostamento alle ronde cittadine, vorremmo contestualizzare questa scelta in un processo più ampio di destrutturazione dei rapporti sociali e sostituzione di questi ultimi con l’esercizio del potere. A leggere il Programma di Controllo del Vicinato viene quasi da associarlo a quella visione romantica delle vecchie realtà di periferia in cui “tutti conoscono tutti” e i rapporti di buon vicinato fanno si che si possano lasciare le porte di casa aperte e i bambini a giocare per strada la sera. Ma una domanda viene da farsela: se questo aspetto della coesione sociale fosse ancora vivo, ci sarebbe bisogno di una promozione dall’alto o di aderire a “Programmi di controllo”? Diciamo di no. Quello che mette in allarme infatti è proprio il meccanismo di induzione alla base di queste proposte e essenzialmente si risolve in tre riflessioni.

Prima di tutto lo scenario attuale delle realtà di quartiere in cui i rapporti di buon vicinato sono quasi del tutto scomparsi se non addirittura rovesciati in relazioni insofferenti e distanti. In queste realtà lo spirito di cooperazione, fiducia reciproca e solidarietà fra le persone era quello che consentiva di percepire un alto livello di sicurezza; inoltre coesione e solidarietà sono quei presupposti alla base delle buone relazioni sociali che consentono processi di autorganizzazione finalizzati alla difesa o alla conquista dei diritti.
La seconda riflessione riguarda i processi che, grazie al contributo del bombardamento mediatico e alla progressiva destrutturazione delle politiche di welfare, hanno portato i singoli a barricarsi in un individualismo sempre più radicale provocato e alimentato dalla paura dell’altro che viene individuato come nemico numero uno seguendo la logica del dividi ed impera che oggi è alla base della comunicazione di chi detiene il potere. Questo processo (indotto volontariamente al fine di rompere l’unica arma vincente contro il potere: la coesione sociale) è il primo step dei un ulteriore terzo passaggio, vale a dire, quello della “sicurezza” che diviene una merce di consumo della quale si alza la domanda proprio da parte dei singoli. Quale miglior scenario per consentire a chi detiene il potere di introdurre dispositivi di controllo in ogni luogo in cui si svolge la vita quotidiana?

Allora si arriva a scenari aberrati come quello del consiglio comunale di ieri. La proposta di una forza di centro destra che chiede di soddisfare la domanda di sicurezza attraverso programmi che consegnano agli abitanti l’illusione di sentirsi legittimati a chissà quali gesta eroiche di difesa delle strade, viene non solo accolta di buon grado da tutte le forze politiche presenti, ma anche elogiata come frutto di quei principi trasversali ad ogni posizione politica.

Bene. Spieghiamo cos’è il Programma di Controllo del Vicinato.
Si tratta di un programma messo a punto da una serie di esperti tra criminologi, filosofi e sociologi che propongono una lettura semplificata dei fattori che possono concorrere al verificarsi di un crimine:

  • Bersaglio disponibile
  • Assenza di controllore capace
  • Presenza di potenziale aggressore

Quindi ci si propone di formare le persone di un quartiere, stimolandole a strutturarsi in un sistema gerarchico, con un responsabile designato come interfaccia tra quartiere e forze dell’ordine, istituzioni, nuovi vicini e vicini che non aderiscono al programma. Chi aderisce al programma dovrà imparare a riconoscere i tre fattori e soprattutto imparare ad agire sui primi due in modo da non creare le condizioni nelle quali si possa verificare un crimine.

Leggendo tutto questo a noi viene la sensazione di una deriva paramilitare di quello che una volta era il semplice e spontaneo rapporto di buon vicinato costruito su presupposti come “io ti do un pacco di zucchero e tu mi dai due uova fresche”.

Non tralasciamo anche l’aspetto puramente propagandistico della proposta che risponde alla domanda di sicurezza con un dispositivo, da un lato totalmente inefficace (potrebbe funzionare la dove le relazioni sociali non si fossero perse, ma a quel punto non servirebbe), dall’altro lato pericoloso (per i motivi di cui abbiamo parlato sopra). Aspetto propagandistico che porta i due consiglieri Bienaime e Menconi (provenienti da una cultura politica di sinistra) ad astenersi anzi che votare contrari.

Quello che vogliamo sottolineare è che una proposta simile, se analizzata nel dettaglio, fa rabbrividire esattamente quanto le Ronde Cittadine, semplicemente perché nasce dagli stessi presupposti e porta con se le stesse caratteristiche: è populista in quanto consegna alle persone l’illusione di doversi/potersi proteggere o fare giustizia da soli, è pericolosa in quanto induce ad un organizzazione paramilitare né cosciente né spontanea.

Detto questo vogliamo congratularci con tutte le forze politiche che non sono state in grado, nella seduta di ieri, di reagire all’aberrante teatrino del capogruppo di Forza Italia che si affannava a spiegare quanta distanza ci fosse tra il programma di controllo del vicinato e le ronde. Ve lo spieghiamo noi quanta differenza c’è: il PCV è talmente subdolo che perfino le forze di centro sinistra non si imbarazzano ad appoggiarlo mentre le ronde sono troppo esplicite e quindi non si possono adottare; ma dietro c’è la stessa mentalità, la stessa irresponsabilità: creare consenso attraverso il basso sistema della creazione mediatica di un fantasma di cui avere paura e offrendo poi la possibilità di combatterlo. In pratica viviamo in un gioco di ruolo.

Del resto riconosciamo che la disgregazione dei rapporti sociali è forse la peggiore delle conseguenze delle politiche di distruzione del welfare messe in atto dai governi e in particolare, a Carrara, dalle amministrazioni, che si sono succeduti negli anni. Un piano ben eseguito attraverso lo spostamento degli investimenti dei soldi pubblici da sanità, scuola, ammortizzatori sociali e servizi, a grandi opere inutili. Così oggi viviamo quartieri degradati, spazi pubblici abbandonati o sottratti alla collettività perché inagibili, luoghi della cultura, fondamenti dell’aggregazione sociale, che crollano sotto i nostri occhi; case vuote e abbandonate da anni; scuole pericolanti.
Gli abitanti di questo paese hanno da riscuotere qualche credito con questa amministrazione: un paio di teatri, un cinema, una biblioteca e centinaia di case per chi una casa non ce l’ha e per chi invece è costretto a svuotarla dal fango una volta l’anno.
La soluzione alla disgregazione dei rapporti sociali è quella di creare le condizioni per cui le persone debbano tornare a condividere spazi, cooperare perché siano spazi vivi e belli, combattere il degrado e l’abbandono da protagonisti. Siamo convinti che siano le persone stesse a doversi riappropriare di ciò che gli è stato sottratto, tanto dei luoghi quanto dei diritti quanto degli spazi di agibilità politica e non solo. Solo l’autodeterminazione e il protagonismo di chi vive in prima persona una mancanza, un disagio, può innescare un reale cambiamento a partire dalle piccole realtà di quartiere fino a quelle più grandi. Le armi contro le dinamiche di controllo di fantomatici PCV sono cooperazione, solidarietà, protagonismo e riappropriazione.

L’altro aspetto che ci allarma è quello della repressione e, soprattutto, della risposta alla repressione.
Non è nuova la notizia che l’amministrazione di Carrara ha fatto uso di denunce (tra l’altro ridicole e infondate) per sedare il dissenso, la cosa nuova è che si baratta esplicitamente l’uso di ogni dispositivo repressivo con una sorta di invito all’autocontrollo e all’allentamento delle tensioni fra istituzione e popolazione. In parole povere una formula che suona così “se state buoni, non vi denunciamo”.

La proposta dell’amministrazione è quella di abbassare la tensione. Eh grazie! Ci viene da dire.
Abbassare la tensione sta a pacificazione sociale, come Programma di controllo del Vicinato sta a Ronde Cittadine. E la cosa più allarmante è che in consiglio comunale ieri qualcuno, tra gli auditori che fino a qualche tempo fa non si risparmiavano urla, si concedeva di sedare il dissenso come se fosse investito di un ruolo a valle di un non meglio precisato accordo preso tra un gruppo di “dissidenti” e il Presidente del Consiglio Comunale.

Ma veniamo a qualche rapida considerazione a riguardo, nella speranza che chi ancora crede che questo sistema amministrativo sia un fallimento totale, abbia lo stimolo a non accettare sedativi.
Non si illuda l’amministrazione carrarese di avere spento gli animi. Abbassare la tensione non è nel nostro interesse, spegnere i focolai di conflitto non offre alcuno scenario positivo a chi non detiene il potere. Noi siamo coscienti che i potenti hanno il vantaggio di agire violenza con metodi molto efficaci e poco percepibili quando il conflitto è annullato, quando il dissenso si esprime con educazione, quando lo spazio di agibilità e quello determinato dal potere stesso. Una violenza spesso non percepita ma quotidiana, una violenza che si esprime in modo devastante ad ogni alluvione, ma che striscia da tempo nella progettazione del Waterfront. Una violenza fatta di sprechi, ricatti e sfruttamento delle persone e del territorio. Noi non lasceremo che sia il nemico a scegliere il campo di battaglia. Noi sappiamo che lo scenario conflittuale costringe il potere a smascherare il suo volto violento, sappiamo che quando per sedare il dissenso non è più sufficiente uno “state buoni”, il potere ha solo due chance: o ascoltare le masse e cambiare rotta o metterle a tacere con la violenza e sappiamo che di solito si sceglie la seconda opportunità. Quando la tensione è bassa invece si vota contro una proposta di referendum consultivo circa il destino del porto di Marina di Carrara. Quando la tensione è bassa la voce del popolo viene ignorata.

C’è una brutta notizia: noi non abbiamo fatto accordi, non faremo mai accordi. Il nostro diritto a dissentire non è merce di scambio con nessun genere di intimidazione.

Noi non saremo mai mansueti.

 

“quando subiamo una violenza, chiedere educatamente di non farlo è come chiedere di conservare la pietra che ci è appena stata lanciata in testa”

 

 

11751436_800524120065770_5260694394384637293_nSolidarity without borders!
Ventimiglia 11-⁠12-⁠13 settembre
Assemblea transnazionale contro confini, razzismo, sfruttamento e militarizzazione.

vai all’articolo

le nostre vite

Nella società degli abusi, di cui oggi tutt* noi siamo vittime, c’è un abuso fra tutti più schiacciante ed è quello che fate voi politici, fondando le vostre campagne elettorali sulla parola “sicurezza”.

Sicurezza e sviluppo risuonano in tutte le vostre performance pre elettorali e noi, popolo troppo avezzo ad essere suddito, empatiziamo con le vostre fotografie mentre indossate ridicoli elmetti da cantiere, berretti da ferro tramviere, tute da metalmeccanico, magliette da tifoseria o, peggio ancora, invocate una sicurezza ottenuta lanciando i nostri operai, sulle loro ruspe, su campi rom e campi profughi.

Sicurezza è la parola di cui voi abusate, con l’ipocrita complicità di chi vi offre pagine di giornale e inquadrature ad hoc, per convincerci che dovremmo difenderci dall’invasione dei popoli migranti, generando orrende e disumane guerre fra poveri, inducendoci a pensare che dobbiamo temere per la nostra vita a causa della presenza dell’altro.

Sicurezza è la parola di cui abusate per militarizzare strade, piazze e aule comunali per difendere la distorta e marcita idea che avete della democrazia e del confronto. E ci scagliate contro le vostre pedine in divisa, ci sgomberate, forti delle vostre posizioni privilegiate, ci condannate come vandali o ancora peggio come terroristi mentre difendiamo i nostri diritti dalle vostre aggressioni, dalla vostra violenza. Ma è evidente che voi non vi siate mai ritenuti responsabili, di questo.

Sicurezza è la parola di cui abusate per giustificare ogni genere di repressione che mettete in atto contro il dissenso.

Forse è della vostra, personale sicurezza che parlate però.
Perché qui, in questa terra, sicurezza non se vede. Qui si rischia la vita anche solo dormendo nel proprio letto, aspettando che crolli il prossimo argine, che frani il prossimo monte. Qui si muore di lavoro! Si muore per diagnosi tardive, si rischia la vita nelle scuole e negli asili dove i nostri figli e le nostre figlie passano la maggior parte della loro giornata.

Voi ci difendete dai clandestini? Ci domandiamo se ne abbiamo bisogno!
Ci domandiamo chi ci difende da voi?
Chi ci difende da una classe politica che ancora non ha capito che i pochi posti di lavoro garantiti da quello scempio che state consentendo su queste montagne non valgono e non varranno mai la vita di una persona! E non valgono la vita di una persona in più!
Quello scempio che arricchisce solo le tasche di una manciata di sfruttatori e che, sotto la spinta vigliacca del ricatto occupazionale, porta nei lavoratori la cultura e l’amara accettazione che di lavoro purtroppo ogni tanto si muore! Questa è follia! Nel 2015, signori, questa è follia!

Pochissimi, non pochi, posti di lavoro, tutti occupati per ingrassare le tasche di predatori del nostro bene più prezioso: no, non il marmo, il marmo non si mangia, l’acqua! Avete saputo fare anche questo. Decenni di politiche clientelari a favore di chi detiene il vantaggio – non si sa quanto legittimo ma certamente profondamente ingiusto – di sventrare le Apuane, renderle pericolose per la nostra vita, incapaci di compiere quello che sarebbe il loro naturale ciclo, l’assorbimento e il trattenimento delle acque. Quelle acque che ogni inverno, insieme all’enorme quantità di detrito prodotto dalle stesse cave, invadono i torrenti e provocano danni quando non mietono vittime.

Se guardate le carte della pericolosità idro-geomorfologica del nostro comune vi spaventate a comprendere che più della metà del nostro territorio è classificato tra valori di pericolosità bassa e molto elevata. E ci tengo a sottolineare che pericolosità significa il contrario di sicurezza!

L’OMS definisce lo stato di salute della persona come “stato di completo benessere fisico, mentale, sociale e non consiste”, dice, “soltanto nell’assenza di malattie o infermità. Questo costituisce uno dei diritti fondamentali di ciascun essere umano. I Governi hanno la responsabilità della sanità dei loro popoli.”

La costituzione Italiana dice all’articolo 3 che “la tutela della salute, come strumento di elevazione della dignità sociale dell’individuo, costituisce interesse della collettività”.

In queste due frasi si racchiudono due messaggi fondamentali:
-il primo è che voi, governanti, siete responsabili, sempre, della vita, della sicurezza e della salute, anche sociale, del popolo e siete quindi esonerati dal ripetere frasi che neghino la vostra responsabilità morale su ogni episodio di questo genere.

-il secondo è che la salute costituisce interesse della collettività e che quindi anche noi tutti siamo chiamati ad essere responsabili direttamente.

Tutti qui oggi dobbiamo chiederci se davvero vogliamo vivere e contribuire a sviluppare un economia e una società in cui un posto di lavoro, uno stipendio in più, per gli operai; oppure qualche ora in meno pagata, un prezzo più competitivo, per l’imprenditore; e ancora qualche occhio chiuso, una mazzetta sotto il tavolo, una manciata di voti, una responsabilità in meno, per il politico; ecco oggi qui dobbiamo chiederci se questo vale davvero più di una vita!

Chiediamocelo. Siamo disposti a perdere ancora una vita? Siamo convinti che un’economia di monocultura del marmo che distrugge l’ambiente, inquina i nostri fiumi, rende pericolose le nostre case, distrugge ed esaurisce le nostre riserve d’acqua, uccide indirettamente e poi anche direttamente tutti noi, giorno dopo giorno, siamo convinti che sia la scelta giusta? Che sia la cosa da difendere?

Noi diciamo di no! Noi diciamo che l’arricchirsi di pochi non vale la vita di nessuno!
Diciamo che se per voi questo è il piano, noi vogliamo che ve ne andiate.

Diciamo che vogliamo lavoro, casa, sicurezza e salute per tutti e tutte ma mai a discapito della vita di qualcuno.
Sappiamo tutti che se i blocchi di marmo venissero lavorati ancora sul territorio, il lavoro ci sarebbe e ce ne sarebbe di più, sappiamo tutti che se non ci fossero padroni milionari, gli stipendi degli operai sarebbero più alti e nessuno dovrebbe ancora andare a lavorare il sabato in cava. Sappiamo tutti che se il nostro territorio non fosse afflitto da questo cancro avremmo più possibilità di sviluppare economie sostenibili. Sappiamo tutti che è necessario e indispensabile che la smettiate di sventolare fantomatici progetti di sviluppo della marina continuando a voltarvi di spalle alla regolamentazione dell’escavazione e ad un serio piano di esaurimento di questo sistema economico fallito.

Noi lo sappiamo e voi stessi dovreste saperlo. Se ancora fingete di non aver compreso, o se non avete compreso davvero, in entrambi i casi, la richiesta è la stessa. Il vostro tempo è finito, le vostre responsabilità sono scritte nella pietra delle nostre montagne e nelle macchie di fango delle nostre case: è l’ora di smettere di abusare delle parole quanto della nostra pazienza, è l’ora che lasciate che altri facciano quello che voi non sapete fare.

Quanta indignazione quando vengono colpite satira e diritto alla critica da parte della classe politica, quanta rapidità ad esprimere la propria solidarietà quando fa comodo saltare sul carro del consenso “facile”, come nel caso Charlie Hebdo, quando ci si deve esprimere contro un nemico universalmente (e ad oggi nemmeno più tanto, visti gli episodi in Turchia) riconosciuto tale, come il fondamentalismo islamico.

Quanta contraddizione invece quando ad essere oggetto d’accusa e d’indagine è un esponente del partito di “maggioranza” e chi si esprime è un membro della società indignato di ciò che gli succede intorno.

È il caso che vede attori Giulio Milani e Loris Rossetti.

Colpevole, il primo, di aver scoperchiato, con una pubblicazione di tutto rispetto e della quale lo ringraziamo infinitamente, molte delle trame che si intrecciano tra mondo dell’escavazione, monocultura del marmo, PIT a firma Marson e ancora mafia, grandi opere, sicurezza del territorio. Colpevole in particolare di aver ribadito le parole della stessa Marson che accusavano Loris Rossetti (ex sindaco di Fivizzano) di essere a capo di una delle lobbies che hanno assaltato il PIT a fini di tutela di profitti privati.

Colpevole, il secondo di rispondere a quelle dichiarazioni, non con la difesa della libertà di critica, né con dichiarazioni in sua discolpa, ma con la vile minaccia di querela: uno strumento di repressione e di intimidazione che tutto rappresenta meno che la disponibilità al dialogo.

In un territorio martoriato, da un lato, da una classe imprenditoriale che cura solo il proprio profitto e, dall’altro, da chi governa grazie a rapporti clientelari e tutela interessi di pochi a discapito del bene comune, facendo delle grandi opere il modello di sviluppo trainante della nostra “economia” e delle politiche di una certa classe dirigente sempre più proiettata alla gestione di una azienda ( in fallimento) e meno di un paese dove, per prima cosa, vengono smantellati sanità, istruzione e sociale, spesso e volentieri contrastati da un esule filo di voce di ciò che resta dei sindacati ( ad oggi la sola Cgil è in calo di 70.000 tessere).
In un territorio dove la DIA registra infiltrazioni di famiglie mafiose nella classe dirigente, dove la popolazione fa i conti con una alluvione l’anno, dove la disoccupazione è una piaga dalle percentuali più alte in Italia, dove compaiono strade pagate dai cittadini ad uso e consumo degli industriali del marmo, dove si sventolano progetti fantascientifici mentre crollano gli argini di un torrente; penne e voci come quella di Giulio Milani sono fondamentali strumenti di resistenza e di opposizione alla distruzione dei diritti fondamentali come casa, lavoro, sicurezza e paesaggio.

Noi siamo contro l’arma della repressione, siamo contro l’uso vile della minaccia per mettere a tacere il dissenso.
Noi ci riteniamo complici e solidali!
ogni qual volta viene posta in discussione una determinata libertà, è la libertà stessa in discussione

Pubblichiamo qui l’intervista “Incontri con la bellezza” in cui Giulio presenta la sua ultima pubblicazione “La terra bianca”.

harlock_nowaterfront_nograndiopere

Il mantra main stream di tutta la presentazione del nuovo piano regolatore del porto è stato “diamo risposte tecniche, lasciamo fuori la politica”, pronunciato dai tecnici che stamani hanno incassato il dissenso, tutto politico, del popolo carrarese: il “fronte del no”, come (s)qualificato dalla stampa da velina in questi giorni.

Noi non cadiamo nel tranello. Il popolo non si confronta con i tecnici (non perché non ce ne siano le capacità, come mostrato da numerosi interventi), il popolo si confronta sul piano politico. Tralasciando quello tecnico, sono due gli aspetti cardine di questo programma che portano a reagire con il “no”:

1. La risposta tecnica, anche laddove fosse la migliore tra le risposte possibili, è la risposta ad un indirizzo politico che vuole operare in ragione di un quadro economico totalmente inesistente, con il solo risultato di avviare operazioni speculative con partecipazione di finanziamento pubblico/privato. Manca oggi nel nostro territorio la volontà politica di rispondere alle emergenze e alle esigenze reali che richiedono analisi e valutazioni attente delle risorse ambientali, delle pericolosità e la riqualificazione di una struttura socio/economica/culturale anche identitaria che si esprime nell’ambito delle microrelazioni e delle microeconomie locali e che saprebbe, a lungo termine, divenire motore essa stessa di ulteriore sviluppo anche sul piano macroscopico. Questa è la proposta alternativa ed è sul piano dell’indirizzo politico. A questa proposta vogliamo che i tecnici, pagati con soldi pubblici, diano risposta.

2. All’accusa di sperpero di denaro pubblico per quella che noi giudichiamo l’ennesima grande opera inutile, si risponde dicendo che ci sarà la partecipazione di soggetti privati. Che dire. Abbiamo tutti sotto gli occhi i grandi risultati che si ottengono quando le opere hanno queste caratteristiche: strada dei marmi, nca (finanziati da partecipazioni pubblico privato); l’attività estrattiva (dove il bene publico è sfruttato per profitto di privati senza ricaduta positiva sul territorio); le opere di “messa in sicurezza” del Carrione (dove la cementificazione ha favorito le tasche di qualche ditta già poco raccomandabile).

Non cogliamo la provocazione. Harlock non mangia la foglia. L’errore, continueremo a gridarlo finché avremo voce, è a monte. Non ci interessa discutere in merito alla risposta tecnica perché è la scelta politica, è la domanda, che è sbagliata.

Diciamo NO a questo piano perché fa parte di un piano politico che non condividiamo.
NO WATERFRONT, BASTA GRANDI OPERE INUTILI!