Archivio per la categoria ‘Benefit’

Una 4 giorni che ha visto alternare momenti di discussione e messa in discussione dei sistemi di governance dei territori e della gestione di quei beni (così definiti) comuni, a momenti di festa come domenica 8 con il gruppo Rap Assalti Frontali schierato dalla parte dei cittadini e delle cittadine che un anno fa assediarono il Comune di Carrara con la prospettiva della sperimentazione di un modello di autogestione del territorio dal basso. 

Autorganizzazione, riappropiazione e conflitto sono stati i temi toccati in questi lunghi e faticosissimi quanto soddisfacenti e promettentigiorni, insieme a tanti ospiti e con una partecipazione che ha fatto sentire la presenza di una comunità solidale.

Molti gli ospiti che hanno partecipato e contri6-11-15buito alle discussioni. #TerraNostra da Casoria (NA), insieme al Terzo valico #NoTav e allo scrittore Giulio Milani, hanno raccontato come, dal nord a sud Italia, il problema della devastazione ambientale spesso trova nei soliti nomi gli autori dei vari scempi perpretati da Stato e Mafie (che spesso sono la solita cosa). “La Mafia è lo pseudonimo del Capitalismo armato”, sosteneva un compagno venerdì sera, “gli stessi che hanno inquinato saranno quelli che vinceranno gli appalti per le bonifiche e ci avranno guadagnato due volte”. Si è parlato della dignità delle comunità in lotta presso i cantieri del Terzo Valico: “un metro di Tav non vale la vita nè la dignità di nessuno”. Tra i presenti molti carraresi ma anche volti “fuori provincia” che ci fanno sperare nella possibilità e nell’efficacia di fare rete fra territori limitrofi e non.
IMG_0849Presenti #RiMaflow da Trezzano sul Naviglio, ospite nell’ultima giornata, e Casa Rossa Occupata di Massa che, dalla nascita del collettivo Harlock, è sempre stato uno degi maggiori interlocutori sulle lotte del territorio e proprio in quest’ultimo periodo si trova a contrastare l’ennesima cementificazione selvaggia in nome di un profitto che va a discapito di molti; i gruppi Ultras organizzati che nelle loro forze ci sono stati sempre vicini e gli amici e amiche del Circolo dei Baccanali, sempre pronti a dare spazio e solidarietà alle iniziative dal basso. Gli stessi #AssaltiFrontali che hanno intervallato il loro RAP Militante a interventi a sostegno delle nostre lotte al grido di una “Carrara meticcia!” che speriamo di rivedere presto riempire le piazze.
Nota dolente, le continue difficoltà della burocrazia che ci portano a chiederci come sia possibile che far sparire centinaia di milioni di euro dalle casse degli enti pubblici sia più semplice che ottenere un’autorizzazione per un’iniziativa popolare nella piazza del municipio.

Nonostante il boicotaggio da parte di “qualcuno” non si è fermato il sole!!!

Usciamo da questa 4 giorni stanchi ma felici, consapevoli del fatto che siamo riusciti a parlare ad una fetta della città che ha deciso di non restare più sorda, che ha deciso da che parte stare. Felici di aver portato nella Sala della #Resistenza le lotte di Alessandria e Napoli, felici della solidarietà fra comunità diverse che si è incontrata a Carrara.
Continueremo a lottare, continueremo a restare e non scappare dalla nostra città, perchè questo è il NOSTRO postoun posto occupato da troppo tempo da chi non lo ama ma lo sfrutta e lo sfrutta ed è per questo che continueremo ad organizzare le rivolte!!!!
” Dovunque vorremo andare andremo, una nave è questo in realtà. Non è solo una chiglia, con uno scafo e un pontile, sì, la nave è fatta così, ma ciò che una nave è…ciò che la Perla Nera è in realtà…è libertà “.

11751436_800524120065770_5260694394384637293_nSolidarity without borders!
Ventimiglia 11-⁠12-⁠13 settembre
Assemblea transnazionale contro confini, razzismo, sfruttamento e militarizzazione.

vai all’articolo

solidarity-is-a-weaponGiornata di iniziative ed azioni diffuse sui territori contro la repressione, per la costruzione di geografie alternative e solidali.

La libertà di chi viaggia, così come di chi sta al suo fianco, costruisce spazi di libertà e autorganizzazione che chi governa cerca di distruggere. Lo abbiamo visto a Ventimiglia, dove la politica dell’assedio e dell’emergenza non può accettare la costruzione di un luogo, come il Presidio Permanente No Borders, che nega il suo senso d’essere. La Fortezza Europa non può avere traditori, chi aiuta i neri va punito e intimidito.

Alle detenzioni e le deportazioni illegittime dei migranti a cui assistiamo da mesi, qualche giorno fa si è aggiunto l’arresto di un nostro compagno. Aggredito e picchiato dalla polizia di frontiera francese (PAF) per aver solidarizzato con i migranti rinchiusi nei container di Ponte San Luigi, Fouad ora è rinchiuso nel carcere di Nizza, dove dovrà rimanere per un mese in attesa di un processo che lo vede accusato di oltraggio e resistenza. Altri compagni avevano subito i fermi della polizia francese, e mentre scriviamo attendiamo notizie di Andrea, che da questa mattina è si trova in stato di fermo al commissariato di Menton… continua a leggere

risalire_bandite-harlock_070715
Una serata tutta dedicata alle donne in cui riscoprire gli spazi della socialità al femminile, della memoria e della città.
Una serata dedicata alle donne che oggi declinano la resistenza nel loro quotidiano e alla memoria della resistenza del 7 luglio del 44.

Aperitivo per tutt* a prezzi popolari. Harlock sarà in “Piazzetta” con il Mojito dei pirati. A prezzi popolari!

7 Luglio 1944.
Le donne Carraresi resistono all’invasione tedesca. Da Piazza delle Erbe parte la resistenza tutta al femminile che ha tenuto la città di Carrara libera.
Eravamo come delle belve” dalle parole di Francesca Rolla che in un murale del 2014 è ritratta sul muro di Piazza delle Erbe al grido “non abbandonare la città”.
Il 7 Luglio è delle donne a Carrara, la Piazzetta è delle donne a Carrara.

7 Luglio 2015
In una città dove gli spazi sociali, siano fisici o culturali o relazionali, sono sottratti alle persone, agli e alle abitanti, una città che ha chiuso le porte alla memoria di se stessa e che consuma marmo e umanità, le donne ricordano la resistenza, ricordano la genetica della loro capacità di tenere la città sottraendola alle mani chi chi la vuole distruggere.
Donne, bandite, in piazzetta senza nostalgie, senza bisogno di rievocazioni storiche, strizzando l’occhio a Francesca Rolla, manifestando la nostra volontà di vitalizzare uno spazio che ci appartiene per eredità e per assonanza, ricalcando con i passi di oggi la stessa determinazione del passato con nuova e rinnovata motivazione, con lo stesso invito a non abbandonare la città.

francesca-rolla_mural

Risalire – Nuove resistenze al femminile. Vuole essere un momento di riflessione e anche di festa, di azione, di relazione e autodeterminazione in cui ognuna di noi possa esprimere con i propri mezzi la sua resistenza. Risalire, radice di resilienza, significa mettere in atto tutta la potenza creativa e generare nuove possibilità.

Torniamo a Carrara, riprendiamo quegli spazi attraverso la memoria e la comprensione del loro significato sociale e culturale, riprendiamo i luoghi delle relazioni sociali sia fisici che culturali contrastando l’appiattimento, l’abbandono, il degrado e l’assenza di relazione umana. Il luogo del cambiamento è la strada e il mezzo è l’azione” , scrivevamo qualche giorno fa, e riscoprire Piazza delle Erbe nel giorno del 7 Luglio è una delle azioni da compiere per essere quel cambiamento che chiediamo alla nostra città.

Invitiamo tutte e tutti a Risalire in Piazzetta!

Programma:

Inizio ore 19:00 con aperitivo a prezzi popolari e musica
Alle 20 dibattito e interventi
A seguire musica, reading e tutt* a far festa!
Per tutta la serata, mojiteria di Collettivo Harlock, area di sostegno a no borders ventimiglia con il gruppo di Massa-Carrara e mostra fotografica.

Seguite l’evento su Facebook: https://www.facebook.com/events/491029614378950/

IMG_1413Convinti che ciascun* sia liber* di spostarsi ovunque voglia, a maggior ragione quando scappa da guerra e miseria in cerca di un futuro migliore per se e/o per la propria prole, non possiamo che assistere sconcertati alle disumane violenze che si stanno perpretando a Ventimiglia oramai da giorni. Ma non vogliamo limitarci alla sola frustrazione che dagli occhi arriva fino al cuore, siamo infatti convinti che agire sia possibile e necessario.

Per questo, in collaborazione con la palestra popolare Aldo Salvetti e la Casa Rossa Occupata, all’inizio della prossima settimana manderemo diversi aiuti e beni di prima necessità ai migranti ancora presenti sul luogo e invitiamo tutt* voi a farlo.

Pubblichiamo quì di seguito la lista dei beni necessari, invitandovi a portarli domani, sabato 20 Giugno alla Casa Rossa Occupata (lungo l’Aurelia poco dopo la Ekom di Montignoso andando in direzione Viareggio) durante l’iniziativa della palestra popolare Aldo Salvetti (https://www.facebook.com/events/1495749127381876/1501224440167678/) dalle ore 18:00.

A tutti e tutte coloro che desiderassero portare il proprio contributo ma fossero impossibilitati a farlo domani consigliamo di scriverci sulla nostra pagina Facebook.

La lista delle cose che servono (da Presidio Permanente NO Borders Ventimiglia):

latte a lunga conservazionemerendine/biscotti risotonno in scatolafagioli in scatolaceci in scatolasacchi della spazzaturatovaglioliposate di plasticaacquacaffè solubilesapone liquidopannoliniassorbentiguantimascherineoliosaleombrelli (per il sole)vestiticoperteciabatte scarpecappelli lenzuolabiancheriamaterassini asciugamani

sport_fuori_mercato-180615

Di fronte al piano B del Governo Renzi, alle ruspe di Salvini, agli sgomberi di Ventimiglia e alle Stazioni ricolme di persone come in un limbo, ci sentiamo di dare una risposta concreta alle politiche sull’immigrazione perpetrate negli ultimi anni da politicanti che come abbiamo oramai abbondantemente visto nell’inchiesta “Mafia Capitale”, le destre estreme e la sinistra istituzionale hanno solamente sfruttato la vita degli uomini per profitto, donne e bambini in cerca di dignità stretti dalla morsa della povertà e spesso in fuga da atroci guerre.
A questo rispondiamo con concretezza e crediamo che l’unica politica d’effetto sia quella dell’integrazione e della solidarietà.
Per questo invitiamo tutti/e Giovedì dalle ore 17:30 al parco della Padula di Carrara per una giornata di sport popolare e solidarietà, per dare un pugno al razzismo insieme al Collettivo Harlock ed alla Palestra Popolare Aldo Salvetti!
Lezioni aperte di Yoga, Pugilato e Climbing !
“Io non credo nei confini, nelle barriere, nelle bandiere. Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia, che è la famiglia umana.”
Vik
Collettivo Harlock

Evento Facebook: Sport fuori mercato

Ecco il primo evento ufficiale di Harlock: un aperitivo benefit per finanziare tutte le prossime campagne ed azioni del collettivo stesso e a seguire una conferenza sull’immigrazione.
Il tutto si svolgerà Giovedí 4 Giugno dalle ore 18:30 presso il circolo arci Il Viandante sito in Via Gragnana 1, Carrara.

L’aperitivo sarà composto di un buffet e da boccali di sangria il tutto rigorosamente a offerta:
MANGIA QUEL CHE VUOI, PAGA QUEL CHE PUOI!

Dalle 20:00 invece si terrà la conferenza alla quale parteciperanno Matteo Bartolini (presidente provinciale Arci Massa-Carrara) e Paap Njaay Jamill in collegamento skype (dell’associazione @ghetto-out Nelson Mandela) che spiegherà la situazione dei ghetti pugliesi dove caporalato e mafia regnano sovrani.

Interverranno anche Gianmaria Lenelli e Madjao della Casa Rossa Occupata di Montignoso.

Inoltre sarà l’occasione per finanziare la campagna di mutuo soccorso di HarlockCompra quel che vuoi, Dona quel che puoi” atta a diffondere anche nei nostri territori una pratica assai diffusa altrove e cioè quella del caffè sospeso, allargandola però anche a pane, pasta, succhi di frutta o qualsiasi altra cosa si voglia donare.

Evento Facebook: Aperitivo benefit e conferenza sull’immigrazione “Migriamo nell’umano”

Le b a n d i t e organizzano la prima serata evento con cena a menù fisso per promuovere la campagna di sensibilizzazione #ioNONcondivido. La campagna nasce a seguito degli ultimi episodi che hanno visto la circolazione virale di video che ritraggono momenti di intimità di donne.

Le b a n d i t e, come donne, scelgono di farsi promotrici di una società e di una cultura che prendano le distanze in modo cosciente dal macismo e dalle deviazioni che portano a questi episodi

Menù con specialità locali:

– antipasto di crostini caserecci
– taglierini nei fagioli
– acciughe e patate al forno
– torta di riso

(10 euro + bevande)

L’incasso sarà devoluto a sostegno della campagna #ioNONcondivido e delle attività del gruppo b a n d i t e.

Per prenotazioni, fino ad esaurimento posti, scrivere a banditecarrara.info[@]gmail.com oppure inviare messaggio privato alla pagina FB https://www.facebook.com/pages/Bandite-banditecarrara/757963167651985