Archivio per la categoria ‘Scuola’

Collettivo Harlock invita a partecipare

alla quattro giorni di iniziative che si terrà a Carrara dal 5 all’ 8 Novembre prossimi in occasione delle giornate di anniversario dell’evento alluvionale del 2014.

Con l’occasione invitiamo, tutt* i soggetti interessati, ad aderire alla piattaforma che segue riguardo la difesa dei territori allo scopo di stimolare nel nostro Comune la discussione fra gruppi, associazioni e soggetti che si occupino di beni comuni e territorio.

(il programma sarà passibile di piccole modifiche in caso di necessità)

___________________________________________________________________________

A difesa del territorio: fra resistenza e autorganizzazione

Partendo dal concetto di territorio come insieme di aspetti complessi, fisici e non, e in particolare, quel sistema di relazioni socio-economiche che sono biunivocamente prodotto e generatore del territorio stesso, cogliamo un’opportunità di legittimazione rispetto a pratiche di appropriazione e autorganizzazione agite dai movimenti di lotta, dal momento in cui l’abitante e le dinamiche di relazione che questo agisce nel luogo che abita, possono essere individuate come parte integrante del sistema territoriale stesso. Vale a dire che il territorio si definisce come esito della strutturazione dello spazio da parte della società che lo abita (e non del potere che lo governa), riconoscendo a questo la dignità di diaframma fra luogo fisico e spazio culturale, simbolico, economico, inscindibile dai supporti materiali così come dalle diverse forme di appropriazione succedute nel tempo.

Se lo strumento del potere è quello che si definisce nella competenza di governo del territorio, è vero anche che gli strumenti dell’abitante sono quelli della resistenza e dell’autorganizzazione che sono parte integrante del concetto stesso di territorio poiché caratteristica intrinseca la prima, in quanto resistenza alla trasformazione, e motore di dinamiche tra abitanti e territorio, la seconda. Gli atti di trasformazione violenta del territorio da parte del governo sono sempre più espressione del paradigma della grande opera: l’alta velocità, expo, città olimpiche, il mercato crocieristico, per citare i più famosi esempi, ma anche le opere di stoccaggio di rifiuti tossico-nocivi, lo sfruttamento delle risorse, la sovra-infrastrutturazione in generale (comprendendo in questa cementificazione e speculazione). Queste trasformazioni sono caratterizzate dall’assenza di relazione a piccola scala, generate da quelle dinamiche globali che poco o nulla hanno a che vedere con chi abita i territori. Infatti avvengono in modo violento e repentino e generano quelle che noi riteniamo legittime pratiche di autorganizzazione, manifestazioni della resistenza a tali trasformazioni da parte degli abitanti. Senza resistenza alle trasformazioni il territorio e la società stessa sarebbero elementi molli, inconsistenti.

Parliamo quindi di difesa dei territori riconoscendo il ruolo fondamentale delle pratiche di conflitto e di resistenza alle trasformazioni in generale e riconosciamo ancor più legittimità e diritto a quelle realtà di autorganizzazione che si verificano la dove la resistenza si oppone a trasformazioni violente.

Gli aspetti che riteniamo fondamentali sono due. – In primo luogo la ferma condanna di tutte quelle operazioni riconducibili al paradigma della grande opera e quindi caratterizzate da sfruttamento delle risorse a discapito del bene collettivo e per il profitto di pochi; legami tra classe politica, classe imprenditoriale e organizzazioni mafiose; cementificazione; produzione di debito; destrutturazione dei diritti del lavoro, precarizzazione e ricatto occupazionale; conseguenze sulla salute della persona.

– In secondo luogo riconoscere nelle pratiche di autorganizzazione il motore delle trasformazioni coerenti del territorio, capaci di generare ancora relazioni e ricadute positive, sia per quanto riguarda i rapporti sociali, sia per quanto riguarda la produzione di reddito. Inoltre riconosciamo nelle realtà autorganizzate la capacità di produrre relazioni persistenti tra luoghi fisici e luoghi culturali che divengono identitarie e significanti, quindi strumento di appropriazione e di espansione di spazi di agibilità prossimi ad essere rivendicati come diritti.

In questo processo si distingue la possibilità e la necessità di ribaltare la dinamica induttiva che oggi è alla base del governo del territorio in una dinamica deduttiva che prenda in considerazione le esperienze e le pratiche di autorganizzazione radicate – anche e soprattutto la dove si manifestino a corollario di lotte per la difesa dei territori da processi di sfruttamento, distruzione e speculazione – come esperienze reali e spontanee, espressioni della volontà di chi abita i territori e di reale e diretto esercizio della sovranità popolare.

Di conseguenza condanniamo invece ogni utilizzo di strumenti repressivi di quelle realtà di conflitto in quanto strumenti di soffocamento dell’esercizio dei propri diritti e della libertà di espressione.

Apriamo il dibattito su questi temi in occasione delle 4 giornate dal 5 all’8 novembre 2015 in cui Carrara ospiterà iniziative diffuse sul territorio, in memoria dell’ultimo evento alluvionale e della conseguente presa del Comune da parte delle abitanti e degli abitanti.

Vogliamo andare oltre l’aspetto commemorativo, dedicando la 4 giorni al tema della difesa dei territori e dell’autorganizzazione, unendo esperienze di lotta e analizzando quegli aspetti di cattiva gestione e di distruzione del territorio che accomunano le diverse realtà e ci auguriamo di poter promuovere, assieme a tutti i soggetti che interverranno e parteciperanno (o vorranno in futuro partecipare), un progetto di rete nazionale per la difesa dei territori come strumento attraverso il quale agire in modo solidale, diffondere informazioni e costruire progettualità condivise.

Invitiamo tutti e tutte, gruppi, associazioni e indipendenti impegnati in progetti di autorganizzazione, lotta e resistenza contro Grandi Opere e sfruttamento e in difesa dei beni comuni, come ambiente, casa, lavoro e salute, a partecipare alle iniziative che si chiuderanno l’otto Novembre con una Assemblea allargata in cui tutt* avranno la possibilità di intervenire condividendo le proprie esperienze e i propri punti di vista. ___________________________________________________________________________________________

A seguire il programma delle iniziative della 4 giorni.

A difesa del territorio: fra resistenza e autorganizzazione

  • Giovedì 5 Novembre, ore 18:00. Piazza Menconi, Marina di Carrara. PER NON DIMENTICARE: serata in memoria dell’alluvione con banchetto informativo, vin brulèe, spettacolo teatrale e Lancio delle lanterne.
  • Venerdì 6 Novembre, ore 18:00. Sala della Resistenza, Comune di Carrara. LA DIFESA DEL TERRITORIO: RESISTENZA E AUTORGANIZZAZIONE (a cura di Collettivo Harlock) Interverranno: Giulio Milani, presentazione del libro “La Terra Bianca” Movimento NoTav terzo valico Terra Nostra Occupata, Casoria (NA) Collettivo Harlock
  • Sabato 7 Novembre, ore 13.00. Visita alle cave di Carrara e merenda
  • Domenica 8 Novembre, dalle ore 16:00. Piazza 2 Giugno, Comune di Carrara. Assemblea conclusiva e ASSALTI FRONTALI LIVE. questa giornata vuole essere un’occasione di festa e di incontro per la città tutta.

A distanza di quasi un anno dall’8 Novembre scorso quando assediammo il comune in migliaia chiedendo al primo cittadino e alla giunta di abbandonare i loro posti di potere, il quadro è chiaro. Carrara non è un laboratorio politico come vorremmo intenderlo noi che agiamo la politica come espressione della volontà delle masse e come somma delle pratiche in grado di equilibrare i rapporti di forza tra le parti sociali. No. Carrara è una sorta di simulatore in cui il potere ha potuto per decenni muoversi fra interessi economici di cave, porto, speculazione edilizia e pubblici servizi, sostituendo al dialogo democratico il potere dei rapporti clientelari e fagocitando ogni genere di espressione di dissenso con una stretta di mano o un occhio strizzato.

Ed è il consiglio comunale di ieri pomeriggio ad aver chiarito in modo inequivocabile posizioni e metodi della classe politica carrarese, opposizione compresa.

All’unanimità ieri (eccezione fatta per l’astensione di Bienaimè e Menconi) il consiglio comunale ha approvato la mozione di FI riguardo l’adesione al Programma di Controllo del Vicinato. Senza soffermarci al fin troppo facile e forse superficiale accostamento alle ronde cittadine, vorremmo contestualizzare questa scelta in un processo più ampio di destrutturazione dei rapporti sociali e sostituzione di questi ultimi con l’esercizio del potere. A leggere il Programma di Controllo del Vicinato viene quasi da associarlo a quella visione romantica delle vecchie realtà di periferia in cui “tutti conoscono tutti” e i rapporti di buon vicinato fanno si che si possano lasciare le porte di casa aperte e i bambini a giocare per strada la sera. Ma una domanda viene da farsela: se questo aspetto della coesione sociale fosse ancora vivo, ci sarebbe bisogno di una promozione dall’alto o di aderire a “Programmi di controllo”? Diciamo di no. Quello che mette in allarme infatti è proprio il meccanismo di induzione alla base di queste proposte e essenzialmente si risolve in tre riflessioni.

Prima di tutto lo scenario attuale delle realtà di quartiere in cui i rapporti di buon vicinato sono quasi del tutto scomparsi se non addirittura rovesciati in relazioni insofferenti e distanti. In queste realtà lo spirito di cooperazione, fiducia reciproca e solidarietà fra le persone era quello che consentiva di percepire un alto livello di sicurezza; inoltre coesione e solidarietà sono quei presupposti alla base delle buone relazioni sociali che consentono processi di autorganizzazione finalizzati alla difesa o alla conquista dei diritti.
La seconda riflessione riguarda i processi che, grazie al contributo del bombardamento mediatico e alla progressiva destrutturazione delle politiche di welfare, hanno portato i singoli a barricarsi in un individualismo sempre più radicale provocato e alimentato dalla paura dell’altro che viene individuato come nemico numero uno seguendo la logica del dividi ed impera che oggi è alla base della comunicazione di chi detiene il potere. Questo processo (indotto volontariamente al fine di rompere l’unica arma vincente contro il potere: la coesione sociale) è il primo step dei un ulteriore terzo passaggio, vale a dire, quello della “sicurezza” che diviene una merce di consumo della quale si alza la domanda proprio da parte dei singoli. Quale miglior scenario per consentire a chi detiene il potere di introdurre dispositivi di controllo in ogni luogo in cui si svolge la vita quotidiana?

Allora si arriva a scenari aberrati come quello del consiglio comunale di ieri. La proposta di una forza di centro destra che chiede di soddisfare la domanda di sicurezza attraverso programmi che consegnano agli abitanti l’illusione di sentirsi legittimati a chissà quali gesta eroiche di difesa delle strade, viene non solo accolta di buon grado da tutte le forze politiche presenti, ma anche elogiata come frutto di quei principi trasversali ad ogni posizione politica.

Bene. Spieghiamo cos’è il Programma di Controllo del Vicinato.
Si tratta di un programma messo a punto da una serie di esperti tra criminologi, filosofi e sociologi che propongono una lettura semplificata dei fattori che possono concorrere al verificarsi di un crimine:

  • Bersaglio disponibile
  • Assenza di controllore capace
  • Presenza di potenziale aggressore

Quindi ci si propone di formare le persone di un quartiere, stimolandole a strutturarsi in un sistema gerarchico, con un responsabile designato come interfaccia tra quartiere e forze dell’ordine, istituzioni, nuovi vicini e vicini che non aderiscono al programma. Chi aderisce al programma dovrà imparare a riconoscere i tre fattori e soprattutto imparare ad agire sui primi due in modo da non creare le condizioni nelle quali si possa verificare un crimine.

Leggendo tutto questo a noi viene la sensazione di una deriva paramilitare di quello che una volta era il semplice e spontaneo rapporto di buon vicinato costruito su presupposti come “io ti do un pacco di zucchero e tu mi dai due uova fresche”.

Non tralasciamo anche l’aspetto puramente propagandistico della proposta che risponde alla domanda di sicurezza con un dispositivo, da un lato totalmente inefficace (potrebbe funzionare la dove le relazioni sociali non si fossero perse, ma a quel punto non servirebbe), dall’altro lato pericoloso (per i motivi di cui abbiamo parlato sopra). Aspetto propagandistico che porta i due consiglieri Bienaime e Menconi (provenienti da una cultura politica di sinistra) ad astenersi anzi che votare contrari.

Quello che vogliamo sottolineare è che una proposta simile, se analizzata nel dettaglio, fa rabbrividire esattamente quanto le Ronde Cittadine, semplicemente perché nasce dagli stessi presupposti e porta con se le stesse caratteristiche: è populista in quanto consegna alle persone l’illusione di doversi/potersi proteggere o fare giustizia da soli, è pericolosa in quanto induce ad un organizzazione paramilitare né cosciente né spontanea.

Detto questo vogliamo congratularci con tutte le forze politiche che non sono state in grado, nella seduta di ieri, di reagire all’aberrante teatrino del capogruppo di Forza Italia che si affannava a spiegare quanta distanza ci fosse tra il programma di controllo del vicinato e le ronde. Ve lo spieghiamo noi quanta differenza c’è: il PCV è talmente subdolo che perfino le forze di centro sinistra non si imbarazzano ad appoggiarlo mentre le ronde sono troppo esplicite e quindi non si possono adottare; ma dietro c’è la stessa mentalità, la stessa irresponsabilità: creare consenso attraverso il basso sistema della creazione mediatica di un fantasma di cui avere paura e offrendo poi la possibilità di combatterlo. In pratica viviamo in un gioco di ruolo.

Del resto riconosciamo che la disgregazione dei rapporti sociali è forse la peggiore delle conseguenze delle politiche di distruzione del welfare messe in atto dai governi e in particolare, a Carrara, dalle amministrazioni, che si sono succeduti negli anni. Un piano ben eseguito attraverso lo spostamento degli investimenti dei soldi pubblici da sanità, scuola, ammortizzatori sociali e servizi, a grandi opere inutili. Così oggi viviamo quartieri degradati, spazi pubblici abbandonati o sottratti alla collettività perché inagibili, luoghi della cultura, fondamenti dell’aggregazione sociale, che crollano sotto i nostri occhi; case vuote e abbandonate da anni; scuole pericolanti.
Gli abitanti di questo paese hanno da riscuotere qualche credito con questa amministrazione: un paio di teatri, un cinema, una biblioteca e centinaia di case per chi una casa non ce l’ha e per chi invece è costretto a svuotarla dal fango una volta l’anno.
La soluzione alla disgregazione dei rapporti sociali è quella di creare le condizioni per cui le persone debbano tornare a condividere spazi, cooperare perché siano spazi vivi e belli, combattere il degrado e l’abbandono da protagonisti. Siamo convinti che siano le persone stesse a doversi riappropriare di ciò che gli è stato sottratto, tanto dei luoghi quanto dei diritti quanto degli spazi di agibilità politica e non solo. Solo l’autodeterminazione e il protagonismo di chi vive in prima persona una mancanza, un disagio, può innescare un reale cambiamento a partire dalle piccole realtà di quartiere fino a quelle più grandi. Le armi contro le dinamiche di controllo di fantomatici PCV sono cooperazione, solidarietà, protagonismo e riappropriazione.

L’altro aspetto che ci allarma è quello della repressione e, soprattutto, della risposta alla repressione.
Non è nuova la notizia che l’amministrazione di Carrara ha fatto uso di denunce (tra l’altro ridicole e infondate) per sedare il dissenso, la cosa nuova è che si baratta esplicitamente l’uso di ogni dispositivo repressivo con una sorta di invito all’autocontrollo e all’allentamento delle tensioni fra istituzione e popolazione. In parole povere una formula che suona così “se state buoni, non vi denunciamo”.

La proposta dell’amministrazione è quella di abbassare la tensione. Eh grazie! Ci viene da dire.
Abbassare la tensione sta a pacificazione sociale, come Programma di controllo del Vicinato sta a Ronde Cittadine. E la cosa più allarmante è che in consiglio comunale ieri qualcuno, tra gli auditori che fino a qualche tempo fa non si risparmiavano urla, si concedeva di sedare il dissenso come se fosse investito di un ruolo a valle di un non meglio precisato accordo preso tra un gruppo di “dissidenti” e il Presidente del Consiglio Comunale.

Ma veniamo a qualche rapida considerazione a riguardo, nella speranza che chi ancora crede che questo sistema amministrativo sia un fallimento totale, abbia lo stimolo a non accettare sedativi.
Non si illuda l’amministrazione carrarese di avere spento gli animi. Abbassare la tensione non è nel nostro interesse, spegnere i focolai di conflitto non offre alcuno scenario positivo a chi non detiene il potere. Noi siamo coscienti che i potenti hanno il vantaggio di agire violenza con metodi molto efficaci e poco percepibili quando il conflitto è annullato, quando il dissenso si esprime con educazione, quando lo spazio di agibilità e quello determinato dal potere stesso. Una violenza spesso non percepita ma quotidiana, una violenza che si esprime in modo devastante ad ogni alluvione, ma che striscia da tempo nella progettazione del Waterfront. Una violenza fatta di sprechi, ricatti e sfruttamento delle persone e del territorio. Noi non lasceremo che sia il nemico a scegliere il campo di battaglia. Noi sappiamo che lo scenario conflittuale costringe il potere a smascherare il suo volto violento, sappiamo che quando per sedare il dissenso non è più sufficiente uno “state buoni”, il potere ha solo due chance: o ascoltare le masse e cambiare rotta o metterle a tacere con la violenza e sappiamo che di solito si sceglie la seconda opportunità. Quando la tensione è bassa invece si vota contro una proposta di referendum consultivo circa il destino del porto di Marina di Carrara. Quando la tensione è bassa la voce del popolo viene ignorata.

C’è una brutta notizia: noi non abbiamo fatto accordi, non faremo mai accordi. Il nostro diritto a dissentire non è merce di scambio con nessun genere di intimidazione.

Noi non saremo mai mansueti.

 

“quando subiamo una violenza, chiedere educatamente di non farlo è come chiedere di conservare la pietra che ci è appena stata lanciata in testa”

 

 

Non è il collasso strutturale dell’edificio quello di cui allarmarsi. Un edificio crolla, dopo anni che non lo si cura. Dopo anni che si tolgono i fondi per curarlo. Un edificio di per se è fatto di materia che si degrada. Il problema viene prima.

Perchè crollano i teatri, i cinema, le scuole e gli asili? Perchè mancano le facilitazioni per i diversamente abili? Perchè anzi, ancora parliamo di facilitazioni per diversamente abili invece di costruire un mondo dove tutt* possono abitare? Perchè non crollano i palazzi del potere? Perchè non crollano le caserme militari? E perchè quando sono quelle a crollare si chiama terrorismo e quando invece ogni giorno ai nostri figli e a noi stessi, crolla un soffitto sulla testa, non si chiama con altrettanta sincerità terrorismo?

Perchè è questo che avviene: o siamo vittime di un piano politico ben architettato che priva dei presidi culturali e sanitari la popolazione per rinchiuderla nelle case così che sia cieca agli scambi di carte unte, oppure siamo in mano a pericolosa incompetenza, distrazione, ignoranza; non sapremmo dire cosa è peggio e peggio di questo cosa possa esserci. Certo è che in una città che crolla, in un Paese che crolla, qualcuno ha delle responsabilità.

Non parliamo di responsabilità professionali ma politiche: il disegno politico di chi non cura la cultura, la sicurezza e la salute dei propri cittadini è il disegno politico di chi vede il popolo suddito e non sovrano.
La soluzione sta nella consapevolezza della propria sovranità, dei propri diritti e della propria libertà di esseri umani e, una su tutte, nella consapevolezza delle proprie armi: mutualità, solidarietà e autodeterminazione. Comprendere che il problema di un asilo che crolla ha la stessa radice di un servizio sanitario che non funziona, la stessa radice malata di una fabbrica che licenzia 26 operai; una scuola che non tutela la sensibilità e la potenzialità dei propri studenti volendoli come scatole vuote da riempire a piacere ha la stessa radice di un padrone di cava che non tutela la sicurezza dei suoi dipendenti o la delicatezza del paesaggio che deturpa; la stessa radice malata di chi si scaglia contro il diverso per dividere e rendere più debole l’oppresso. Solo se intuiamo questo semplice legame che accomuna tutt* allo stesso intento, quello della salvaguardia del bene comune, allora possiamo essere solidali e costruire luoghi giusti, scuole, presidi sanitari, centri e momenti di aggregazione sociale, di mutualità e di incontro umano, dove sia appunto il bene di tutt* e non il profitto di pochi ad essere messo come priorità assoluta e potremmo riappropriarci di ciò che è nostro di diritto, senza attendere concessioni da chi non ha alcun potere se non siamo noi a riconoscerlo.

C. Harlock

m5S_11062015

Il teatrino del M5S in consiglio comunale a Carrara ha mostrato la vera faccia della oramai tanto osannata coerenza, prima la messa in scena dell’uscita dal consiglio dalla caratura teatrale di un film di seconda serie, poi il rientro in scena per il secondo ciak e per finire l’immancabile colpo di scena: la tanto proclamata e inaspettata solidarietà al nostro “amato sindaco”!

Ci chiediamo dunque il perché si debba perdere tempo in una recita che serve solamente a coprire quello che sta succedendo in questi giorni ai lavoratori del lapideoagli/alle operai/e ex NCA, ai lavoratori/lavoratrici della scuola e della sanità.

Tutti stretti nella morsa delle aberranti politiche renziane come l’oramai ben noto Jobs Act che sta piegando i lavoratori e le lavoratrici della nostra città e dell’intero paese, mettendo in ginocchio diritti non negoziabili ed abolendo passo passo lo statuto dei lavoratori.

Allora anche noi vorremmo esprimere solidarietà.

Solidarietà a tutti/e coloro che ad oggi nella nostra città lottano per un posto di lavoro, ignorati dalle istituzioni e dai propri concittadini.

Allor che il vento contro il sole gira, non ti fidar, perche’ torna forte e spira“.

Collettivo Harlock

studenti-lotta-massa_12052015

12 Maggio – Alcune persone del nostro gruppo hanno deciso di andare a Massa, c’è il corteo sudentesco “NO INVALSI, NO BUONA SCUOLA“. È stato indetto dal Collettivo Studenti in Lotta al fine di protestare contro il ddl Buona scuola, la riforma che il governo Renzi vuole attuare per completare lo smantellamento della scuola pubblica iniziata da anni con le varie riforme Gelmini e similari.
8:30 –  Siamo al tribunale, è da lì che dovrebbe partire la manifestazione. Non ci sono ancora 40 studenti che digos, celere e carabinieri in antisommossa sono già pronti.
Il loro obiettivo lo sappiamo: vogliono intimidire. Intimidire i giovani che iniziano ad alzare la testa e a gridare il loro dissenso verso chi gli vuole togliere il diritto allo studio e lasciarli in edifici pericolanti. 70 studenti, pochi ma buoni. Sono presenti anche diversi professori, reduci dallo sciopero inascoltato del 5 Maggio.
Il corteo inizia a prendersi le strade della città, si canta, si balla e si grida il nostro dissenso a suon di cori ed interventi dal microfono.
Dai cori si capisce come tutti abbiamo imparato che solo uniti si vince. Solo unendo le lotte della scuola e del lavoro possiamo opporci a questo governo ed alle sue logiche. Il ministro Poletti ha annunciato di voler imporre il lavoro gratuito e/o sottopagato dello stage (guarda caso proprio in concomitanza con l’apertura di Expo dove i lavori a contratto gratuito sono già una realtà) a partire da licei e scuole superiori.
9:45 –  Tutto tranquillo. Siamo arrivati a lambire la sede di Forza nuova e lì è partito qualche slogan contro i fascisti che ancora infettano Massa, ma nulla di più. Si passa sotto il comune e da lì iniziamo a tornare verso il tribunale da cui eravamo partiti.
Arriviamo all’incrocio, dove a fare angolo c’è il provveditorato, l’ufficio provinciale del Ministero della Pubblica Istruzione, ci fermiamo, altro intervento dal microfono da dove si denuncia la continua distruzione della scuola pubblica. Con lo striscione di apertura ci posizioniamo davanti all’ingresso principale, viene acceso un fumogeno e volano alcune uova ad esprimere la nostra rabbia. Poca cosa in confronto allo scempio che stanno facendo di uno dei diritti fondamentali per ogni persona.
(altro…)