Posts contrassegnato dai tag ‘Francia’

Dopo i fatti di venerdì notte a Parigi esprimiamo la nostra vicinanza e la nostra solidarietà alle vittime e alle loro famiglie.
Per dare un punto di vista fuori dalle logiche devianti della “guerra di religione” traduciamo e pubblichiamo il comunicato di Nouveau Partì Anticapitaliste.

npa

sabato 14 Novembre 2015, 09:22

LEUR GUERRES, NOS MORTS: LA BARBARIE IMPéRIALISTE ENGEDRE CELLE DU TERRORISME

Gli attacchi terribili che hanno avuto luogo a Parigi il Venerdì sera, lasciando più di 120 morti, decine di feriti, questa cieca violenza, suscitano la rivolta e l’indignazione. NPA condivide ed esprime la sua solidarietà alle vittime, ai loro cari. Questa tragedia è ancora più scioccante perchè colpisce vittime innocenti, perchè gli attacchi omicidi  sono mirati sulla popolazione.

Questa barbarie abietta nel centro di Parigi incontra la violenza altrettanto cieca e i bombardamenti più letali perpetrati dalle forze aeree francesi in Siria a seguito delle decisioni di Francois Hollande e del suo governo.

Questi attacchi sarebbero volti a combattere la Stato islamico, i terroristi jihadisti, mentre, insieme l’intervento e ai bombardamenti russi, proteggono il sistema della principale responsabile del martirio del popolo siriano, la dittatura di Assad.

Anche lì sono i civili le prime vittime condannate a vivere nel terrore o fuggire a rischio della propria vita.

La barbarie imperialista e islamista si alimentano a vicenda. E questo per il controllo delle fonti di approvvigionamento del petrolio.

In un discorso patetico, Hollande, si è scomposto in diretta blaterando qualche parola sulla “Repubblique”. Lui che interpreta il ruolo del guerrafondaio nei conflitti e ha una grande responsabilità in questo dramma, ora chiede “fiducia”. Ha dichiarato lo stato di emergenza in tutto il territorio, sostenendo che la risposta da dare sarebbe quella di calpestare tutte le libertà fondamentali. E ‘stato subito sostenuto da Sarkozy. Le autorità politiche, da oggi, possono così vietare incontri pubblici e controllare la stampa.

Ancora una volta, i principali responsabili di questa ondata di violenza barbara si appellano all’unità nazionale. Stanno cercando di ribaltare la situazione drammatica a loro vantaggio per soffocare l’indignazione e la rivolta. Perché tutti hanno trovato un capro espiatorio, i musulmani. Respingiamo qualsiasi unità con i leader delle guerre, della borghesia, Hollande, Sarkozy e Le Pen. Denunciamo il razzismo che distilla lo Stato in nome di presunti “valori della repubblica” in un momento in cui, sotto la copertura della lotta contro il terrorismo, sono i diritti democratici ad essere minacciati. Chiediamo la revoca dello stato di emergenza.

L’unica risposta alle guerre e al terrorismo è l’unità dei lavoratori e dei popoli, al di là delle loro origini, del colore della pelle, della religione, attraverso le frontiere per combattere contro tutti coloro che vogliono metterli a tacere, sottometterli, e porre fine al sistema capitalista che genera la barbarie.

Per mettere fine al terrorismo, dobbiamo porre fine alle guerre imperialiste volte a perpetuare il saccheggio della ricchezza delle nazioni dominate dalle multinazionali, costringendo il ritiro delle truppe francesi da tutti i paesi in cui sono presenti, in particolare in Siria, Iraq e Africa.

Annunci