Posts contrassegnato dai tag ‘#isis’

Go to english version

êdî bese! È il NO pronunciato da chi vive il fronte di resistenza curdo. Ed è il no che vogliamo dire ad un conflitto globale che si nutre di vite umane.

vostre guerre nostri morti

Approcciare ad un’analisi a valle dei fatti dello scorso venerdì notte a Parigi impone di affrontare una vasta quantità di sfumature e argomenti complessi e diversamente intersecati fra loro. Una strada possibile, che permette di non prescindere da ognuno di questi – da quello umano a quello politico, a quello religioso, economico e del fenomeno migratorio, anche sul piano internazionale – senza restare intrappolati nella sola narrazione, è quella di partire da quei luoghi e da quei popoli in cui si combatte per l’autodeterminazione e l’autonomia e comprendere realmente a chi e a cosa quel no si rivolge.
Allora si scopre che Isis, la Siria di Assad e la Turchia di Erdogan, insieme ai loro alleati, più o meno evidenti, sono i destinatari di quel NO, o meglio “E’ troppo!”, che poi non è che la declinazione curda del “ya Basta!”, il grido di battaglia delle popolazioni indigene del Chiapas.

La percezione che abbiamo di ISIS, così come reso dai media main stream in occidente, è quella di un nemico senza corpo, senza volto; un immaginario costruito ad hoc dall’organizzazione stessa di ISIS e sostenuto dall’informazione occidentale, funzionale alla narrazione che vuole l’opinione pubblica europea malleabile alle facili accelerazioni xenofobe e militariste, alla contrapposizione delle dicotomie cristiani/musulmani e, di conseguenza, alla legittimazione di interventi oppressivi –militari e non- che hanno come unico movente reale quello di tutelare interessi economici ed egemonici, sorti sulle macerie di intere popolazioni, a discapito della libertà e dei diritti fondamentali di ogni essere vivente. L’obbiettivo di creare uno stato di terrore, odio e criminalizzazione di un’intera parte sociale minimizzando la questione ad uno scontro religioso o etnico, non fa altro che consolidare le destre xenofobe che stanno prendendo piede in tutta Europa. La stessa Europa che non prende minimamente in considerazione chi, come Erdogan, strizza l’occhio all’ISIS e lo arma per combattere la popolazione Curda che prova a resistere alle barbarie del Califfato, oppure dall’altra parte la Russia Putiniana che passa, nemmeno troppo sottobanco, le armi ad Assad per “contenere” l’avanzata dell’ISIS.
La stessa Turchia di Erdogan, nemica delle autonomie curde tanto quanto Daesh, autrice e spesso complice delle stragi di vite umane, civili e non, che si consumano nei territori stretti fra Siria, Turchia e Iraq, ospita il g20. Mentre il popolo siriano – percentuale altissima nei flussi migratori verso l’Europa- è stretto nella morsa fra la dittatura di Assad e il terrore dell’ISIS.

E’ chiaro che ISIS è uno degli attori del conflitto globale per il controllo dei territori e del petrolio. Nel cuore di questo conflitto si generano profitti per gli sciacalli della tratta delle armi, dei flussi migratori, l’indotto dei facili spostamenti di opinione pubblica per gli avvoltoi del consenso. Non parliamo solo degli estremismi xenofobi, fascisti e disumani di Salvini e Le Pen ma anche e forse di più, per quei governi di facciata democratica che si propongono come contraltare alle derive dei precedenti ma che in realtà si nutrono di accordi sottobanco intollerabili o di interventi militari ingiustificati come il raid francese in Siria di qualche mese fa, o ancora terreno fertile per quelle dittature insediate nei territori del medio oriente e che soffocano ogni tentativo di emancipazione e sviluppo delle società arabe. Un esempio tutto italiano è l’accordo Renzi – Erdogan grazie al quale la Turchia si impegna a trattenere i flussi migratori verso l’Italia in cambio del silenzio della stampa italiana su quanto accade nei campi profughi a gestione Turca dove si stuprano donne e bambini, spariscono persone nel nulla, è fatto divieto, pena anche la morte, di parlare lingua curda e si lucra sui profughi imponendo una sorta di embargo, grazie al quale gli appalti di fornitura di generi di prima necessità sono assegnati a aziende “compiacenti” e i prezzi sono assimilabili a quelli che si pagano in un resort di lusso.

Insomma, una lunga concatenazione di complicità e compiacimento nella quale diventa difficile distinguere i nemici dagli amici, della quale ISIS (Islamic States of Iraq and Siria), Turchia e Siria compongono solamente la punta dell’iceberg. Un sistema immenso nel quale le potenze occidentali ricoprono il ruolo fondamentale di registi onniscenti: ora interventisti colonizzatori, quando l’interesse economico o di controllo militare del territorio diventano indispensabili al mantenimento delle economie interne e del potere; ora pacificatori ed esportatori di democrazia, quando si tratta di demolire sistemi dittatoriali non compiacenti; ora spettatori ciechi e sordi, quando i movimenti di rivoluzione, fondati sui principi di autodeterminazione, tentano di combattere governi antidemocratici minando indirettamente la solidità del sistema globale perché capaci di esportare un immaginario di alternativa possibile.

Ecco perché scegliamo di leggere questa vicenda esprimendo la nostra solidarietà al processo rivoluzionario innescato e praticato dal popolo curdo, un antidoto autoctono alle condizioni di miseria e di sfruttamento delle quali si nutrono organizzazioni come ISIS, prodotto direttamente dal sistema immunitario dell’umanità e che offre, sia sul piano teorico che su quello pratico, una solida e reale risposta alternativa alle dinamiche fino ad oggi sperimentate nei territori del medio oriente. Allora scopriamo che ISIS e PKK (partito dei Lavoratori del Kurdistan), sono entrambi iscritti nella lista nera delle organizzazioni terroristiche del consiglio dell’Unione Europea che mostra in questo l’incapacità e la mancanza di volontà di valutare l’opportunità politica di una classificazione affine di questi due soggetti. Mentre ISIS si nutre dell’instabilità, della miseria, della mancanza di scolarizzazione, della disoccupazione, lasciate dalle occupazioni degli stati occidentali nei territori, del sentimento di rivalsa, della minaccia di un Europa che chiude le frontiere ai flussi migratori; il progetto del Rojava, sostenuto dal PKK, contrappone un sogno di convivenza fra culture, religioni e etnie diverse, nel confederalismo democratico teorizzato da Abdulah Ocalan, dove scuola, ecologismo, parità di diritti fra generi e autonomia sono fondamenti determinanti. Lo stesso trattamento è quello riservato dalla coalizione internazionale alle forze democratiche siriane: nè i media nè tantomeno la diplomazia internazionale, sembrano voler prendere in considerazione l’esistenza di una complessità di equilibri politici e si riduce, anche in Siria, alla banalizzazione dicotomica quanto contraddittoria “o con ISIS o con Assad”.

ISIS è il più occidentale degli attori del conflitto in medio oriente, tanto da essere “quasi” l’unico – senza dimenticare l’Iran – capace di avere un ruolo nel conflitto globale. Il terreno sul quale ISIS si riproduce, in Medio oriente come in Africa, è lo stesso che gli stati occidentali stanno coltivando da anni in casa propria con le politiche di austerity, con la demolizione del welfare, la retrocessione su diritti e libertà, la marginalizzazione dei migranti e dei soggetti deboli in generale. La chiusura delle frontiere, proprio quando i flussi migratori verso l’Europa si stavano facendo sempre più intensi e “ingestibili”, è la dimostrazione di come i governi vedano come unica strategia politica quella della radicalizzazione delle politiche sull’immigrazione; irrigidire i il codice penale per bloccare il terrorismo, non capendo che così si dà solamente una risposta all’effetto e non alla causa.
Ma a chi dobbiamo chiudere le frontiere? Infatti il sedicente Stato Islamico non è riconosciuto dal diritto internazionale e tanto meno va sovrapposto al mondo dell’Islam che, da subito, ne ha preso le distanze condannando le barbarie che questa organizzazione terroristica ha perpetrato fino ad oggi. Di fatto, è chiaro che la nazionalità dei militanti di ISIS non è riconducibile ad uno stato in particolare, tanto che alcuni hanno nazionalità europea. Ci chiediamo anche perché, dopo i fatti di Parigi, non si sia parlato dell’attentato in Libano, quasi in parallelo (tutti mussulmani), forse perché figli di un “Allah minore”? Allora ci sorge il dubbio che la azione/reazione della Francia e dell’Europa sia un alibi politico di chi ha interesse a mantenere proprio lo scettro del terrore, al solo fine del controllo. Infatti, come abbiamo potuto vedere negli ultimi giorni, i Jiahadisti si incontrano e si “formano” all’interno delle moschee più radicali e magari improvvisate in qualche sotto scala (come in Italia dove non esiste una legge che legittimi i luoghi di culto come le moschee), nelle carceri e nei luoghi di disagio delle nostre città, per questo vorremo sottolineare che non si tratta di una guerra santa. Se di guerra santa vogliamo parlare, allora l’unico Dio nel nome del quale questa guerra viene combattuta ha un nome solo ed è “capitale”.

Siamo convinti che lo sforzo debba essere fatto proprio nella costruzione di un terreno sul quale ISIS non attecchisca, che è lo stesso sul quale non attecchiscono le degenerate tesi salviniane sulla presunta coincidenza fra terroristi e musulmani, fra musulmani e migranti e, per para-scientifica proprietà transitiva, fra terroristi e migranti, secondo la quale la chiusura delle frontiere o un inasprimento di controlli ed espulsioni, potrebbero essere la risposta adatta ad arginare il pericolo del terrorismo. Siamo convinti che missili e bombe, qualunque sia la mano che li lanci, siano fertilizzanti del terreno di cui sopra. Siamo convinti che la risposta passi per l’autorganizzazione dei popoli perché, dove ci si organizza in comunità aperte, solidali e pronte al dialogo – come ad esempio le regioni Autonome del Rojava, le prime a combattere in prima linea l’ISIS, a volte ricacciandoli e riprendendo le proprie città come Kobane – non ci sarà spazio né per l’odio, che sia Jihadista o neofascista, né per il terrore. Siamo convinti che sia arrivato il momento per l’occidente di dire il suo “ora basta!”.
Basta, sentirsi superiori e intoccabili per cui un bilancio di un migliaio di morti europei, poche migliaia se si includono gli Stati Uniti, debba valere più delle decine di migliaia di morti, solo in mare, tra coloro che fuggono dalle guerre che noi stessi abbiamo generato.
Basta con l’arroganza di scegliere quali rivoluzioni appoggiare e quali debellare, quali governi, quali sistemi.
Basta con l’idea che il sistema che abbiamo creato sia quello da difendere ad ogni costo.
Rivendichiamo il diritto di scendere nelle piazze, riprenderci i locali, le strade, riprendere in mano la nostra vita, non nascondendoci e rinchiudendoci fomentando odio e sospetto, perché se lasciamo che soggetti come Le Pen, Sarkozy, Gasparri, Salvini siano la risposta a tutto questo, la “nostra guerra” sarà già persa.

Guardiamo a chi sta resistendo ad un nemico che ci spaventa più di ogni altra cosa al mondo, guardiamo quel nemico con gli stessi occhi con cui lo guardano scappare le guerrigliere del YPG, con gli occhi di chi lo ha sconfitto nonostante l’avversione di Erdogan e del suo esercito che ha massacrato centinaia di curdi nelle loro stesse case.

Ribadiamo la nostra solidarietà a tutte le famiglie che in quel maledetto venerdì hanno perso i propri cari, colpevoli solamente di vivere.

“Solo il popolo salva il popolo, Solo i popoli salvano i popoli”

Dopo i fatti di venerdì notte a Parigi esprimiamo la nostra vicinanza e la nostra solidarietà alle vittime e alle loro famiglie.
Per dare un punto di vista fuori dalle logiche devianti della “guerra di religione” traduciamo e pubblichiamo il comunicato di Nouveau Partì Anticapitaliste.

npa

sabato 14 Novembre 2015, 09:22

LEUR GUERRES, NOS MORTS: LA BARBARIE IMPéRIALISTE ENGEDRE CELLE DU TERRORISME

Gli attacchi terribili che hanno avuto luogo a Parigi il Venerdì sera, lasciando più di 120 morti, decine di feriti, questa cieca violenza, suscitano la rivolta e l’indignazione. NPA condivide ed esprime la sua solidarietà alle vittime, ai loro cari. Questa tragedia è ancora più scioccante perchè colpisce vittime innocenti, perchè gli attacchi omicidi  sono mirati sulla popolazione.

Questa barbarie abietta nel centro di Parigi incontra la violenza altrettanto cieca e i bombardamenti più letali perpetrati dalle forze aeree francesi in Siria a seguito delle decisioni di Francois Hollande e del suo governo.

Questi attacchi sarebbero volti a combattere la Stato islamico, i terroristi jihadisti, mentre, insieme l’intervento e ai bombardamenti russi, proteggono il sistema della principale responsabile del martirio del popolo siriano, la dittatura di Assad.

Anche lì sono i civili le prime vittime condannate a vivere nel terrore o fuggire a rischio della propria vita.

La barbarie imperialista e islamista si alimentano a vicenda. E questo per il controllo delle fonti di approvvigionamento del petrolio.

In un discorso patetico, Hollande, si è scomposto in diretta blaterando qualche parola sulla “Repubblique”. Lui che interpreta il ruolo del guerrafondaio nei conflitti e ha una grande responsabilità in questo dramma, ora chiede “fiducia”. Ha dichiarato lo stato di emergenza in tutto il territorio, sostenendo che la risposta da dare sarebbe quella di calpestare tutte le libertà fondamentali. E ‘stato subito sostenuto da Sarkozy. Le autorità politiche, da oggi, possono così vietare incontri pubblici e controllare la stampa.

Ancora una volta, i principali responsabili di questa ondata di violenza barbara si appellano all’unità nazionale. Stanno cercando di ribaltare la situazione drammatica a loro vantaggio per soffocare l’indignazione e la rivolta. Perché tutti hanno trovato un capro espiatorio, i musulmani. Respingiamo qualsiasi unità con i leader delle guerre, della borghesia, Hollande, Sarkozy e Le Pen. Denunciamo il razzismo che distilla lo Stato in nome di presunti “valori della repubblica” in un momento in cui, sotto la copertura della lotta contro il terrorismo, sono i diritti democratici ad essere minacciati. Chiediamo la revoca dello stato di emergenza.

L’unica risposta alle guerre e al terrorismo è l’unità dei lavoratori e dei popoli, al di là delle loro origini, del colore della pelle, della religione, attraverso le frontiere per combattere contro tutti coloro che vogliono metterli a tacere, sottometterli, e porre fine al sistema capitalista che genera la barbarie.

Per mettere fine al terrorismo, dobbiamo porre fine alle guerre imperialiste volte a perpetuare il saccheggio della ricchezza delle nazioni dominate dalle multinazionali, costringendo il ritiro delle truppe francesi da tutti i paesi in cui sono presenti, in particolare in Siria, Iraq e Africa.