Le nostre vite valgono più dei vostri profitti (intervento in consiglio comunale 31 agosto 2015)

Pubblicato: 1 settembre 2015 in Ambiente, Antifascismo, Antirazzismo, Casa, Cave, Comunicati, Dissesto idro-geologico, Grandi Opere, Lavoro, News, Salute, Sociale
Tag:, , ,

le nostre vite

Nella società degli abusi, di cui oggi tutt* noi siamo vittime, c’è un abuso fra tutti più schiacciante ed è quello che fate voi politici, fondando le vostre campagne elettorali sulla parola “sicurezza”.

Sicurezza e sviluppo risuonano in tutte le vostre performance pre elettorali e noi, popolo troppo avezzo ad essere suddito, empatiziamo con le vostre fotografie mentre indossate ridicoli elmetti da cantiere, berretti da ferro tramviere, tute da metalmeccanico, magliette da tifoseria o, peggio ancora, invocate una sicurezza ottenuta lanciando i nostri operai, sulle loro ruspe, su campi rom e campi profughi.

Sicurezza è la parola di cui voi abusate, con l’ipocrita complicità di chi vi offre pagine di giornale e inquadrature ad hoc, per convincerci che dovremmo difenderci dall’invasione dei popoli migranti, generando orrende e disumane guerre fra poveri, inducendoci a pensare che dobbiamo temere per la nostra vita a causa della presenza dell’altro.

Sicurezza è la parola di cui abusate per militarizzare strade, piazze e aule comunali per difendere la distorta e marcita idea che avete della democrazia e del confronto. E ci scagliate contro le vostre pedine in divisa, ci sgomberate, forti delle vostre posizioni privilegiate, ci condannate come vandali o ancora peggio come terroristi mentre difendiamo i nostri diritti dalle vostre aggressioni, dalla vostra violenza. Ma è evidente che voi non vi siate mai ritenuti responsabili, di questo.

Sicurezza è la parola di cui abusate per giustificare ogni genere di repressione che mettete in atto contro il dissenso.

Forse è della vostra, personale sicurezza che parlate però.
Perché qui, in questa terra, sicurezza non se vede. Qui si rischia la vita anche solo dormendo nel proprio letto, aspettando che crolli il prossimo argine, che frani il prossimo monte. Qui si muore di lavoro! Si muore per diagnosi tardive, si rischia la vita nelle scuole e negli asili dove i nostri figli e le nostre figlie passano la maggior parte della loro giornata.

Voi ci difendete dai clandestini? Ci domandiamo se ne abbiamo bisogno!
Ci domandiamo chi ci difende da voi?
Chi ci difende da una classe politica che ancora non ha capito che i pochi posti di lavoro garantiti da quello scempio che state consentendo su queste montagne non valgono e non varranno mai la vita di una persona! E non valgono la vita di una persona in più!
Quello scempio che arricchisce solo le tasche di una manciata di sfruttatori e che, sotto la spinta vigliacca del ricatto occupazionale, porta nei lavoratori la cultura e l’amara accettazione che di lavoro purtroppo ogni tanto si muore! Questa è follia! Nel 2015, signori, questa è follia!

Pochissimi, non pochi, posti di lavoro, tutti occupati per ingrassare le tasche di predatori del nostro bene più prezioso: no, non il marmo, il marmo non si mangia, l’acqua! Avete saputo fare anche questo. Decenni di politiche clientelari a favore di chi detiene il vantaggio – non si sa quanto legittimo ma certamente profondamente ingiusto – di sventrare le Apuane, renderle pericolose per la nostra vita, incapaci di compiere quello che sarebbe il loro naturale ciclo, l’assorbimento e il trattenimento delle acque. Quelle acque che ogni inverno, insieme all’enorme quantità di detrito prodotto dalle stesse cave, invadono i torrenti e provocano danni quando non mietono vittime.

Se guardate le carte della pericolosità idro-geomorfologica del nostro comune vi spaventate a comprendere che più della metà del nostro territorio è classificato tra valori di pericolosità bassa e molto elevata. E ci tengo a sottolineare che pericolosità significa il contrario di sicurezza!

L’OMS definisce lo stato di salute della persona come “stato di completo benessere fisico, mentale, sociale e non consiste”, dice, “soltanto nell’assenza di malattie o infermità. Questo costituisce uno dei diritti fondamentali di ciascun essere umano. I Governi hanno la responsabilità della sanità dei loro popoli.”

La costituzione Italiana dice all’articolo 3 che “la tutela della salute, come strumento di elevazione della dignità sociale dell’individuo, costituisce interesse della collettività”.

In queste due frasi si racchiudono due messaggi fondamentali:
-il primo è che voi, governanti, siete responsabili, sempre, della vita, della sicurezza e della salute, anche sociale, del popolo e siete quindi esonerati dal ripetere frasi che neghino la vostra responsabilità morale su ogni episodio di questo genere.

-il secondo è che la salute costituisce interesse della collettività e che quindi anche noi tutti siamo chiamati ad essere responsabili direttamente.

Tutti qui oggi dobbiamo chiederci se davvero vogliamo vivere e contribuire a sviluppare un economia e una società in cui un posto di lavoro, uno stipendio in più, per gli operai; oppure qualche ora in meno pagata, un prezzo più competitivo, per l’imprenditore; e ancora qualche occhio chiuso, una mazzetta sotto il tavolo, una manciata di voti, una responsabilità in meno, per il politico; ecco oggi qui dobbiamo chiederci se questo vale davvero più di una vita!

Chiediamocelo. Siamo disposti a perdere ancora una vita? Siamo convinti che un’economia di monocultura del marmo che distrugge l’ambiente, inquina i nostri fiumi, rende pericolose le nostre case, distrugge ed esaurisce le nostre riserve d’acqua, uccide indirettamente e poi anche direttamente tutti noi, giorno dopo giorno, siamo convinti che sia la scelta giusta? Che sia la cosa da difendere?

Noi diciamo di no! Noi diciamo che l’arricchirsi di pochi non vale la vita di nessuno!
Diciamo che se per voi questo è il piano, noi vogliamo che ve ne andiate.

Diciamo che vogliamo lavoro, casa, sicurezza e salute per tutti e tutte ma mai a discapito della vita di qualcuno.
Sappiamo tutti che se i blocchi di marmo venissero lavorati ancora sul territorio, il lavoro ci sarebbe e ce ne sarebbe di più, sappiamo tutti che se non ci fossero padroni milionari, gli stipendi degli operai sarebbero più alti e nessuno dovrebbe ancora andare a lavorare il sabato in cava. Sappiamo tutti che se il nostro territorio non fosse afflitto da questo cancro avremmo più possibilità di sviluppare economie sostenibili. Sappiamo tutti che è necessario e indispensabile che la smettiate di sventolare fantomatici progetti di sviluppo della marina continuando a voltarvi di spalle alla regolamentazione dell’escavazione e ad un serio piano di esaurimento di questo sistema economico fallito.

Noi lo sappiamo e voi stessi dovreste saperlo. Se ancora fingete di non aver compreso, o se non avete compreso davvero, in entrambi i casi, la richiesta è la stessa. Il vostro tempo è finito, le vostre responsabilità sono scritte nella pietra delle nostre montagne e nelle macchie di fango delle nostre case: è l’ora di smettere di abusare delle parole quanto della nostra pazienza, è l’ora che lasciate che altri facciano quello che voi non sapete fare.

Annunci
commenti
  1. Bellissimo Ross, resta la grossa problematica della marmetola divenuta un mastice solido e scivoloso che ormai credo resti a perenne pericolo. penso a Miseglia in primis. Non andranno via perché il “boccone” del porto è troppo succoso e polposo. Da novembre si beccano insulti e manoni, rispondono piccatamente, ma sono incollati alla scrana. La vedo dura. Spero in un intervento esterno (europeo). Ciao Bella!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...